Ho incontrato una “localivora”

Non una bestia feroce, né una rara pianta tropicale in via d’estinzione… bensì, molto più semplicemente, una persona che ha deciso di mangiare locale per agire globale.

Amy Cotler, componente della delegazione statunitense a Terra Madre, è cuoca, scrittrice e docente ma, soprattutto, persona dotata di senso pratico. Insoddisfatta, come tutti noi, della cucina che ci veniva proposta, anziché perdersi in disquisizioni e stigmatizzazioni (arte di cui siamo invece maestri noi italiani: davanti a qualsiasi problema pratico, noi apriamo il dibbattito), se ne è uscita con una soluzione semplice, semplice: “Se troviamo un Farmer Market qui vicino, stasera cucino io”.

Poi le cose si sono risolte in modo diverso, ma la lezione di pragmatismo è rimasta e la possiamo ritrovare in un bellissimo manuale pubblicato da Amy: The Locavore Way: Discover and Enjoy the Pleasures of Locally Grown Food (Storey Publishing, North Adams MA, 2009 www.storey.com). Che potremmo, più o meno, tradurre con: La via localivora: scopri e goditi il piacere di un cibo di produzione locale. Si tratta di un agile manuale che, a suon d’esempi pratici e decaloghi comportamentali, illustra in dettaglio l’arte del mangiar locale.

Per avere la sensazione di cosa si parli, basta scorrere il primo di quei decaloghi: 10 ragioni per mangiare cibo prodotto in loco:

1. Per il puro piacere di farlo…

2. Per connettere…

3. Per la salute e la sicurezza della tua famiglia e per la tua…

4. Per la salute del nostro pianeta…

5. Per incentivare l’economia, la comunità locali e regionali…

6. Per un paesaggio aperto e lavorato…

7. Per mantenere la biodiversità…

8. Per sostenere le fattorie e gli agricoltori vicini a noi…

9. Per preservare la nostra tradizione culinaria…

10. Per concederci una giusta opportunità scelta…

Il libro è modulato su tre passaggi di vita: l’acquisto di cibo locale, il mangiare semplice e stagionale, il connettere e coinvolgere. La ricchezza di suggerimenti pratici, supportati da argomentazioni teoriche convincenti fa di questo volume uno strumento utile a tutti, al di là del fatto che sia nato in terra d’America, realtà abbastanza differente dalla nostra. Questo, grazie alla concreta pragmaticità nell’affrontare temi anche complessi che Amy Cotler vi ha saputo infondere.

Cercheremo di essere tutti sempre più localivori. Thanks, Amy

gianfranco bettega

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Luoghi e tempi del cibo, Rete di Terra Madre a/da Primiero, Varia. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...