Verso un “luogo” che scatena, dove si usa un linguaggio universale di Lia Cesari

Impressioni a caldo, di ritorno da Terra Madre.

… i colori della pelle e degli abiti di tutte quelle persone: una parte di umanità in movimento verso un “luogo” che scatena una voglia e un senso di fratellanza e scambio incondizionato.

Le file ordinate e tranquille per la mensa o il bagno, per un bicchier d’acqua o il caffè.

Due chiacchiere con tutti o con chiunque, e se non sai la lingua si usa un linguaggio universale: i gesti e gran sorrisi.

La cerimonia di apertura, emozionante, le parole forti dei rappresentanti indigeni dei cinque continenti.

Vandana Shiva con le sue denunce: sempre toccante.

(Poi, al rientro, un panino con poco gusto, tra musica e tv in un bar, dove tra luci e confusione devi far attenzione a non farti pestare i piedi…!)

liacesari@yahoo.it

Lia Cesari, socia Slow Food, è cuoca per grandi e piccini: ha gestito per alcuni anni la cucina di uno dei ristoranti dell’Alleanza tra i cuochi ed i Presidi Slow Food. Oggi prepara pappe personalizzate ai bimbi di un nido d’infanzia. Alla sua seconda esperienza a Terra Madre, appoggia la nostra Condotta, ogni volta che può.

Forza Lia!

g. b.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Varia. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...